Lucca Classica Music Festival è una manifestazione organizzata dall’Associazione Musicale Lucchese e dal Teatro del Giglio. Main sponsor del Festival è la Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca.

L’edizione del 2020 si terrà da giovedì 30 aprile a domenica 3 maggio nelle chiese, nei palazzi storici, nei musei, nei teatri, nelle strade e nelle piazze del bellissimo centro storico di Lucca che nei giorni del festival vedranno circa 100 appuntamenti con la presenza di prestigiosi artisti internazionali.
L’ingresso alla maggior parte delle manifestazioni è libero o con biglietto a prezzo simbolico.

Il Teatro del Giglio, la sacrestia del Duomo dove si trova il monumento a Ilaria del Carretto, le sale di Palazzo Ducale, la Chiesa di San Francesco, Palazzo Pfanner, i Musei Nazionali di Palazzo Mansi e di Villa Guinigi, le Mura rinascimentali, le strade, le piazze (tra cui piazza Anfiteatro) sono soltanto alcuni luoghi in cui l’incanto della musica darà vita ad una straordinaria esperienza di condivisione e scoperta di emozioni e saperi.

La proposta è destinata ad un pubblico eterogeneo per età e formazione con connessione tra diversi ambiti in grado di restituirci esiti inaspettati.

“La musica e i luoghi”, “Musica d’oggi”, “Le prove aperte”, “Lucca Classica e i giovani musicisti”, “La musica nella storia”, “Musica e scienza” sono soltanto alcuni degli itinerari che il festival proporrà unitamente all’attenzione ad anniversari significativi (nel 2020, tra gli altri che presenteremo, anticipiamo qui il “Focus Beethoven” che racconterà il genio di Bonn in modo inconsueto secondo una serie di parole chiave, “Raffaello 1520- 2020” a cui si aggiungerà il ricordo di Gianni Rodari con un progetto dedicato alle “Favole al telefono”).

Ci saranno i grandi concerti serali, le notti di Lucca Classica, i dialoghi con prestigiosi musicisti e importanti esponenti di diverse discipline e le visite speciali al Museo Casa Natale di Giacomo Puccini grazie alle quali sarà possibile scoprire aspetti interessantissimi della vita e dell’opera del Maestro.

Ancora una volta il Festival sarà un’esperienza tutta da vivere e un percorso che ognuno di noi potrà fare con se stesso e con gli altri, alla ricerca di una “bellezza” che aggiunge senso e dà respiro alla nostra quotidianità.

Simone Soldati – Direttore Artistico dell’Associazione Musicale Lucchese