***

A breve comunicheremo la data di apertura della biglietteria del Teatro del Giglio.

***

TUTTI I COLORI DELLA MUSICA

Lucca Classica ti sorprenderà ancora una volta!
Un Festival per tutti! Una grande festa dei suoni e l’occasione di scoprire un centro storico con un fascino speciale. Nella città di Giacomo Puccini, oltre 80 appuntamenti in massima parte ad ingresso gratuito.

Il Premio Lucca Classica Music Festival 2019

Dopo Sofija Gubaidulina (2015), Raina Kabaivanska (2016), Eleonora Abbagnato (2017), Brunello Cucinelli (2018), il premio dell’edizione 2019 viene assegnato domenica 5 maggio al Cardinale Gianfranco Ravasi.

Lucca Classica Music Festival incontra il Cortile dei Gentili

Il Cortile dei Gentili è una struttura del Pontificio Consiglio per la cultura, nata per iniziativa del Cardinale Gianfranco Ravasi, che si è affermata come spazio aperto al pluralismo delle idee per promuovere un dialogo costruttivo ed approfondire tematiche legate alla scienza, alla fede, all’etica, all’arte attraverso eventi, incontri e occasioni di condivisione.
Ogni data del Festival vedrà una o più conversazioni realizzate nell’ambito del Cortile dei Gentili.

ANTEPRIME FESTIVAL 2019 - dal 28 aprile al 1 maggio

Ci avvicineremo al Festival con un concerto dei giovani vincitori delle borse di studio intitolate a Carol Mac Andrew, con gli spettacoli per i bambini e le famiglie, i momenti musicali nello splendido parco di Villa Reale di Marlia, a pochi chilometri dal centro storico, sontuosa dimora appartenuta a Elisa Bonaparte e nello scrigno del Museo Puccini a Celle di Pescaglia, prima dimora della famiglia Puccini.

Ecco il programma dettagliato dei concerti serali a pagamento

Giovedì 2 maggio - ore 21 - Chiesa di San Francesco

Ingresso gratuito con tagliando da ritirare alla biglietteria del Teatro del Giglio

LUCCA CLASSICA E I GIOVANI MUSICISTI
Destatevi, arpa e cetra, voglio risvegliare l’aurora! (Incipit dei Chichester Psalms)

L. Bernstein Sinfonia da Candide
Chichester Psalms

G. Gershwin Un americano a Parigi

Orchestra e coro dell’Istituto Superiore di Studi Musicali “Luigi Boccherini”

Sara Matteucci, maestro del coro
GianPaolo Mazzoli, direttore

Introduzione a cura di Fabrizio Papi, Direttore dell’ISSM “L.Boccherini”

***

Venerdì 3 maggio - Ore 21 - Teatro del Giglio (vedi biglietti)

IL CORTILE DEI GENTILI E LUCCA CLASSICA

“Che valore hanno per te l’utopia, il sogno?” Io penso che un uomo senza utopia, senza sogno, senza ideali, vale a dire senza passioni e senza slanci sarebbe un mostruoso animale fatto solo di istinto e raziocinio, una specie di cinghiale laureato in matematica pura” - Fabrizio De Andrè

Dori Ghezzi dialoga con Massimo Polidori
Modera Sandro Cappelletto

L’ULTIMO QUARTETTO DI BEETHOVEN

Quartetto d’archi del Teatro alla Scala

Francesco Manara, violino - Daniele Pascoletti, violino
Simonide Braconi, viola - Massimo Polidori, violoncello

F. Mendelsshon Quartetto per archi n 4 in mi minore op 44 n 2 ( MWV R 26)

L. van Beethoven Quartetto per archi n 16 in fa maggiore op 135

***

Venerdì 3 maggio - Ore 23:30 - Auditorium Istituto Boccherini (vedi biglietti)

LE NOTTI DI LUCCA CLASSICA

La notte più felice della vita di Mozart...

...davanti a sua moglie,al padre, a Franz Joseph Haydn, - il più celebre compositore del tempo - prendono vita tre nuovi quartetti per archi ….

Il racconto di Sandro Cappelletto ci porta in casa Mozart, quella sera, con le note di uno dei capolavori del genio salisburghese.

Quartetto Guadagnini, archi

Fabrizio Zoffoli, violino - Cristina Papini, violino
Matteo Rocchi, viola - Alessandra Cefaliello, violoncello

Sandro Cappelletto, drammaturgia e voce narrante

W. A. Mozart - Quartetto per archi in do maggiore KV 465 “delle dissonanze”

***

Sabato 4 maggio - Ore 21 - Teatro del Giglio (vedi biglietti)

Salvatore Accardo, direttore e solista

Orchestra da Camera Italiana

G. Rossini Sonata a quattro no.2 in la maggiore

N. Paganini La Campanella dal Concerto per violino e orchestra n. 2 in si minore

G. Verdi Quartetto in mi minore (versione per orchestra d’archi)

 

Ore 23.30 - Auditorium Istituto Boccherini (vedi biglietti)

LE NOTTI DI LUCCA CLASSICA
1969- 2019 50 anni dal primo passo dell’uomo sulla Luna

In collaborazione con Photolux Festival

Signora Luna che mi accompagni in tutto il mondo puoi tu spiegarmi dov’è la strada che porta a me?
Forse nel sole, forse nell’ombra così per esser, ombra nel sole, luce nell’ombra, sempre per me.
Vinicio Capossela

Le straordinarie immagini ispirate alla Luna curate da Enrico Stefanelli e a seguire la musica di Bach e di Beethoven con la famosissima Sonata “Al chiaro di luna”

Pietro De Maria, pianoforte

J.S. Bach Tema delle Variazioni Goldberg BWV 988
L.van Beethoven Sonata per pianoforte n. 13 in Mib maggiore op 27 n. 1
Sonata per pianoforte n. 14 in do diesis minore op 27 n. 2 “Al chiaro di luna”

***

Domenica 5 maggio - Teatro del Giglio - (vedi biglietti)

IL CORTILE DEI GENTILI E LUCCA CLASSICA

Cerimonia di consegna del Premio LUCCA CLASSICA 2019 a S.E. Cardinale Gianfranco Ravasi

A seguire

Orchestra dell’ISSM Luigi Boccherini di Lucca
GianPaolo Mazzoli, direttore

Danilo Rossi, viola
Marco Rizzi, violino

L. Boccherini La musica notturna della strade di Madrid dal quintetto per archi in do maggiore op 30 n 6 (G324) - arrangiamento di Max Schonherr

W.A. Mozart Sinfonia Concertante in mib maggiore per violino e viola K6 320d

ALCUNE ANTICIPAZIONI SUL PROGRAMMA

Giovedì 2 maggio

Cerimonia inaugurale con la musica di Messiaen e l’Appeal Intersellaire, primo incontro con il Cortile dei Gentili con la conversazione tra Sandro Cappelletto e Massimo Bray, ex Ministro dei Beni Culturali e attuale Presidente dell’Istituto dell’Enciclopedia Treccani.
Poi la musica al tempo di Leonardo, i giovani violoncellisti del Mozarteum di Salisburgo con il loro docente Enrico Bronzi in veste di concertatore, i cori dei bambini e la straordinaria ricchezza ed energia delle note di Gershwin (Suite da Un americano a Parigi) e Bernstein (Chicester Psalms) nella meravigliosa cornice della Chiesa di San Francesco con i giovani interpreti dell’ISSM Luigi Boccherini.
Il ritmo, i colori, l’energia della musica senza barriere.

Venerdì 3 maggio

In programma i primi due appuntamenti di “Danubio” con il Quartetto Nous e l’Ensemble di Lucca Classica Music Festival. “Danubio” è il titolo dell’affascinante progetto di Oreste Bossini che accompagnerà il pubblico del Festival, fino a domenica 5 maggio, alla scoperta dello straordinario patrimonio musicale di paesi spesso divisi dalle guerre ed affratellati dalla musica.
Prenderà il via anche il percorso dedicato alle Sonate e Partite per violino di J.S.Bach, curato da Marco Rizzi con i suoi allievi dell’Hochschule di Mannheim e incontreremo gli allievi della classe di viola di Danilo Rossi del Conservatorio della Svizzera Italiana di Lugano, gli allievi della classe di pianoforte di Pietro De Maria e gli allievi della classe di violoncello di Enrico Bronzi del Mozarteum di Salisburgo.
Scopriremo la storia dei nuovi inediti per organo di Giacomo Puccini che Liuwe Tamminga farà incontrare con la magia del canto gregoriano domenica 5 maggio grazie al lavoro di ricerca del Centro Studi Giacomo Puccini e potremo vivere in musica luoghi di straordinario fascino come la Sacrestia del Duomo di San Martino, dove si trova il monumento a Ilaria del Carretto e le bellissime sale del Palazzo Ducale.
Ricorderemo in musica i 30 anni dalla caduta di Berlino con il violoncello di Silvia Chiesa, in un'emozionante sequenza con i preludi delle Suites di J.S.Bach ed i preludi di Sofjia Gubaidulina e con la riflessione di Dom Bernardo Gianni, Abate di San Minato, che si inserisce negli incontri del Cortile dei Gentili. Esploreremo ancora la storia dell’Europa seguendo le vicende dell’abate Liszt.
Al termine della giornata, il concerto del Quartetto d’Archi del Teatro alla Scala con l’ultimo quartetto scritto da Beethoven e intorno alla mezzanotte, per le apprezzate notti di Lucca Classica, il racconto di Sandro Cappelletto che ci porterà alla scoperta delle sera più felice della vita di Mozart insieme al Quartetto Guadagnini e al celeberrimo Quartetto“ delle dissonanze”.

Sabato 4 maggio

Tanti giovani musicisti a Lucca Classica! Dai bambini, agli adolescenti, dai cori delle scuole agli allievi delle più prestigiose istituzioni musicali europee.

Per i più piccoli le visite speciali al Museo Casa Natale Giacomo Puccini grazie alla Fondazione Giacomo Puccini, l’incontro con “Boccherini sulle Mura”, la scoperta del mondo delle percussioni con i musicisti di Teatraktis fino ai cartoni animati di “Max e Maestro”, la fortunata serie prodotta dalla Tv francese, Rai Gulp e Sky Classica Hd.
Musica nei musei, nel centro storico con le bande, e la Quinto Aere, la brass band del festival.
Incontreremo gli splendori del barocco con l’Accademia Hermans in luoghi di grande interesse artistico con progetti particolari come “La pittura che suona" curato da Concentus Lucensis. Antigoni Goni suonerà nella Sacrestia della Cattedrale, vicino al monumento a Ilaria del Carretto, Giovanni Bietti sarà in veste di pianista e compositore insieme alla straordinaria voce di Gemma Bertagnolli, per la prima volta ospite del festival.
Ascolteremo nuove opere da camera curate dai giovani compositori di Cluster; Amanda Sandrelli e Marco Brinzi ci racconteranno gli ultimi giorni del governo di Elisa Bonaparte a Lucca.
La sera, al Teatro del Giglio, la musica di Rossini, Paganini e Verdi con l’Orchestra da Camera Italiana e Salvatore Accardo direttore e solista.
Per concludere la giornata, le affascinanti fotografie dedicate alla luna in collaborazione con il Festival Photolux e la musica della celeberrima Sonata “Al chiaro di luna” nell’interpretazione di Pietro De Maria.

Domenica 5 maggio

La conversazione tra Angelo Foletto e Salvatore Accardo, gli inediti per organo di Giacomo Puccini - disponibili grazie al lavoro del Centro Studi Puccini nell’interpretazione di Liuwe Tamminga - che incontreranno profondità e vette del canto gregoriano nella cornice della Chiesa di San Pietro Somaldi, in cui si trova uno degli organi suonati da Giacomo Puccini.
Ancora tanti momenti per i bambini e le famiglie alla scoperta della musica.
In programma gli ultimi appuntamenti di “Danubio” con Silvia Chiesa e Maurizio Baglini, oltre all’incontro con straordinari strumenti e suoni della tradizione ottomana; la poesia di Alba Donati, il violino di Cristiano Rossi e il pianoforte di Bruno Canino.
L’omaggio ad un grande maestro del cinema come Ermanno Olmi a un anno dalla scomparsa con Andrea Lucchesini interprete della Sonata per pianoforte di Fabio Vacchi, compositore che, collaborando con Olmi, è stato premiato con il David di Donatello per la colonna sonora de “Il mestiere delle armi”.
Ancora incontri inconsueti con la chitarra di Giampaolo Bandini e la sapiente matita di Leo Ortolani, disegnatore di RatMan in un racconto in musica di grande fascino e dolcezza.
Le conversazioni del Cortile dei Gentili, con presenze di assoluto rilievo che vi sveleremo a breve, e la Sinfonia Concertante di Mozart con Danilo Rossi e Marco Rizzi.